Quando Bordeaux va a tavola

Di corsa al bancone di un mercato, sia esso organico, vegetariano o tradizionale, semplice o sofisticato…Bordeaux è il parco giochi di grandi chef e una nuova generazione di giovani cuochi innamorati dei prodotti del Sud Ovest.

Leggere l’articolo

Di corsa al bancone di un mercato, sia esso organico, vegetariano o tradizionale, semplice o sofisticato…Bordeaux è il parco giochi di grandi chef e una nuova generazione di giovani cuochi innamorati dei prodotti del Sud Ovest.

Il Marché des Capucins (Mercato coperto dei Capucins) propone molteplici sapori da gustare sul posto o d’asporto. La domenica mattina, si va sui moli al Marché plein air des Chartrons (Mercato all’aperto dei Chartrons), per scoprire i “canelé”, le ostriche del bacino, i “tricandilles”, la trippa all’aglio o il Grenier médocain (salsiccia di frattaglie locale). Due nuovi mercati coperti hanno aperto: le Halles de Bacalan e le Halles de Talence.

LE ISTITUZIONI

Tra i luoghi imperdibili: il ristorante gastronomico Le Chapon Fin ed il suo arredamento in roccia. Per le brasserie, la Brasserie Bordelaise è un’istituzione nel cuore della Bordeaux vecchia. Al Bistrot du Sommelier, cucina tradizionale e vini di qualità accolgono gli ospiti.

FARSI PIACERE

I ristoranti Racines o il Soléna flirtano con l’alta gastronomia. Vicino ai Giardini Pubblici, il Cent33 ha appena aperto. A due passi dai moli sulla Garonna, Porte quinze ed i suoi 20 coperti accolgono i clienti in un’atmosfera intimista. La cucina fusion s’iscrive nel panorama bordolese, al Miles ad esempio, con le sue influenze provenienti dai 4 angoli del mondo, o presso i suoi piccoli fratelli, il Mampuku ed il Massa, o ancora al Nama ed al Dan, d’ispirazione asiatica. Per gli appassionati d’anatra laccata, il Quanjude, un’istituzione in Cina, propone una cucina franco-cinese raffinata.

BELLE SCOPERTE

Luoghi abbordabili ed audaci che aprono i battenti a Bordeaux, come L’Atelier des Faures o il Taquin, quartiere Saint Michel. Al Quai des Chartons (Molo dei Chartons), l’iperbolico Symbiose è stato premiato come “Miglior bar d’autore 2017” dal Fooding. Da non perdere: il Cromagnon e la sua cucina su pietra di sale dell’Himalaya.

BIO E VEGGIE

Le esperienze biologiche e veggie fioriscono tra le vie di Bordeaux: al Munchies, al Cosmopolis od al Kitchen Garden. Bordeaux ospita inoltre un ristorante vegetariano gastronomico, il Rest’O, ed il più grande ristorante biologico di Francia: il Magasin Général. Tendenze biologiche e Km0 da Casa Gaia, che prediligono i circuiti d’approvvigionamento corti.